Informazioni Consiglio Regionale del Piemonte

Approvato ordine del giorno per Mappano


Nella seduta consiliare del 18 giugno è stato approvato, con 26 voti a favore e nessun contrario, l’ordine del giorno n. 556 sulla costituzione del Comune di Mappano. Il documento era stato presentato dai consiglieri Antonello Angeleri (CCD), Rosa Anna Costa e Sergio Deorsola (CDU), Vincenzo Tomatis (Gruppo Misto-Insieme per il Piemonte) ai quali s’è aggiunto in Aula Matteo Brigandì (Lega Nord).

L’ordine del giorno impegna la Giunta a far realizzare dall’Ires uno studio apposito in vista della costituzione del nuovo Comune di Mappano (attualmente frazione di diversi Comuni del Torinese).

Per le dichiarazioni di voto sono intervenuti tre consiglieri. Giancarlo Tapparo (Misto-Riformisti per l’Ulivo) ha precisato che esiste già un progetto di legge su questo argomento ed ha chiesto che ci sia l’impegno a dicuterlo in tempi brevi affrontando anche il problema del numero di abitanti richiesto dalla legge per la costituzione di nuovi Comuni.

Pino Chiezzi (Comunisti Italiani) ha sostenuto che "la ricerca dell’Ires richiederà tempi non brevi, quindi in realtà procrastina il diritto dei cittadini di Mappano ad avere un loro Comune".

Il consigliere Brigandì (Lega Nord) ha puntualizzato il fatto che nel testo dell’odg si parla già delle proposte di legge presentate sull’argomento.

Questo il testo dell’odg approvato dall’Aula:

"Il Consiglio regionale del Piemonte,

considerato che sono operativi da tempo Comitati per la Costituzione di Mappano Comune, aventi lo scopo dichiarato di vedere realizzata "l’autonomia territoriale ed amministrativa" di Mappano;

considerato altresì che esistono proposte di legge sia a livello regionale per la "modifica alla legge regionale n. 51 del 2 dicembre 1992 (Disposizioni in materia di circoscrizioni comunali, unioni e fusioni di Comuni, circoscrizioni provinciali) per ridurre il limite di popolazione per la costituzione di nuovi Comuni con caratteristiche particolari"; sia a livello nazionale, per la modifica all’art. 15 del T. U. delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali, di cui al decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000 in materia di fusione e istituzione di Comuni;

ritenuto di condividere sia le richieste dei "Comitati", in ordine all’istituzione del nuovo Comune, sia le proposte di legge avanzate;

ritenuto infine di dover supportare l’iniziativa dei "Comitati" con uno studio circa l’opportunità sotto il profilo economico, sociale, ambientale e territoriale dell’istituendo nuovo Comune;

impegna

il Presidente della Giunta Regionale e gli Assessori competenti:

a far predisporre dall’IRES uno studio specifico circa le dimensioni territoriali, popolazione e strutture economico-sociali ottimali per l’istituendo Comune,

ad effettuare ogni utile intervento presso i competenti uffici e sedi per la rapida approvazione delle proposte di legge richiamate."

Informazioni Consiglio Regionale del Piemonte