Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

I lavori del Tavolo di concertazione

Foto del comunicato stampa Il Tavolo di concertazione sui costi della politica ha approvato e deciso di inviare all’esame della I Commissione (Affari istituzionali) le tre proposte di legge redatte dopo il confronto con la Conferenza dei presidenti delle Regioni e con il governo nazionale.
I consiglieri di Palazzo Lascaris si sono espressi sulla rideterminazione del trattamento economico, dell’indennità di fine mandato e sull’assegno vitalizio, sulla riorganizzazione e il funzionamento dei gruppi consiliari e sull’anagrafe degli eletti.
“Sono soddisfatto e ringrazio i colleghi consiglieri che stanno creando le condizioni affinché si potesse individuare fin da subito un accordo di merito e di sostanza. Non ci sono primogeniture, ma una apprezzabile condivisione sulla necessità e sulle volontà di raggiungere un accordo basato su un effettivo senso di responsabilità comune sulle tematiche dei costi della politica e del contenimento delle spese della struttura”, è il commento del presidente del Consiglio regionale del Piemonte Valerio Cattaneo.
Per quanto riguarda il nuovo trattamento mensile dei consiglieri regionali le indennità di carica e di funzione avranno carattere onnicomprensivo e i precedenti gettoni di presenza e i rimborsi chilometrici saranno sostituiti da una cifra forfetaria. Saranno inoltre previste decurtazioni dalla busta paga in presenza di assenze ingiustificate ai lavori d’Aula.
L’anagrafe degli eletti, infine, oltre a rendicontare l’attività dei consiglieri regionali, renderà ulteriormente pubblica la loro situazione patrimoniale, così come previsto dalla legge vigente.

mbocchio