Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Consiglio regionale sulla Sla

Foto del comunicato stampa “Amministriamo meglio i fondi stanziati e i provvedimenti già presi per arrivare a un netto miglioramento dell’assistenza ai pazienti affetti da malattie degenerative che li portano ad essere completamente non autosufficienti”. Questo il messaggio finale scaturito dalla seduta straordinaria del Consiglio regionale del 12 dicembre dedicata ai malati di Sla e di altre patologie neuromuscolari gravemente invalidanti. La seduta straordinaria era stata richiesta da Francesco Toselli (Pdl) e da numerosi altri consiglieri di maggioranza.
“Propongo – ha detto Toselli in Aula – che vengano aperte ‘Case del ventilato’ su tutto il territorio regionale e che il personale sanitario e i famigliari che si devono occupare di questi malati vangano formati appositamente attraverso corsi per care giver”.
L’assessore alla Sanità, Paolo Monferino, ha illustrato la situazione in cui si trovano i malati di Sla in Piemonte spiegando che i pazienti affetti da Sla sono 452, di cui più di 140 assistiti a domicilio con particolari apparecchiature. C’è un fondo nazionale per assistere le persone non autosufficienti e sono previsti interventi economici per le famiglie. Ad agosto 2012 è stata fatta la prima assegnazione di fondi di un milione e 113 mila euro. Seicentocinquanta mila euro sono destinati al Centro esperto Sla di Torino e di Novara, mentre 463 mila euro sono destinati alle Aziende sanitarie per potenziare l’attività destinata a questi pazienti. La Regione Piemonte ha approvato il Progetto di continuità assistenziale per il biennio 2012-2013.
Sono intervenuti Eleonora Artesio (Fds, già assessore alla Sanità) che ha chiesto di finanziare gli interventi già in atto, Nino Boeti (Pd) che ha sottolineato come la terapia per questi malati costi 7 mila euro l’anno a testa soltanto per i farmaci, Antonello Angeleri (Lega) che ha ribadito l’interesse del suo gruppo per la cura di queste gravi malattie invalidanti.
Al termine della seduta la presidente della Commissione Sanità, Carla Spagnuolo, ha espresso parere favorevole alla trattazione in Commissione dell’argomento.

Intervista Toselli

Intevista Boeti

La Sla in Piemonte - ass. Monferino


fcalosso