Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Difensore civico per i senza tetto

Foto del comunicato stampa Nel riconoscere la grave situazione di disagio ed esclusione in cui versano i “clochard”, persone senza fissa dimora che stazionano sui marciapiedi, giorno e notte, il Difensore civico, Antonio Caputo, ha sollecitato l’intervento del Comune di Torino, esercitando così la sua funzione istituzionale di garante della “buona amministrazione” e per la tutela dei diritti fondamentali e della dignità delle persone.
In una lettera indirizzata al sindaco, all’assessore competente e alla direzione servizi sociali del Comune, il Difensore civico ha chiesto se e in che modo siano stati messi a punto meccanismi di monitoraggio e protezione della vita e della dignità di questi “clochard”. Caputo ha inoltre domandato se – fermo restando l’importante contributo delle associazioni di volontariato - sia stato dato corso a un approccio strutturale e sistematico da parte della Città per attivare un percorso inclusivo dei senza tetto, sollecitando ogni opportuno e urgente intervento.

ecorreggia