Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Proposte di legge al Parlamento

Foto del comunicato stampa L’Assemblea legislativa del Piemonte torna ad attivarsi per contrastare la dipendenza dal gioco d’azzardo.
Nella seduta del 28 maggio l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale - a seguito delle recenti elezioni politiche che hanno rinnovato la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica - ha stabilito di ripresentare le proposte di legge al Parlamento che erano state fino ad oggi deliberate nella attuale legislatura consiliare.
“Pensiamo di dover insistere soprattutto su una proposta, approvata all’unanimità – ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale, Valerio Cattaneo – per arginare il dilagare, acuito dalla crisi economica, del gioco d’azzardo: una piaga sociale che contribuisce a impoverire, in particolare, le fasce sociali più deboli. Contatterò personalmente il presidente della Camera, Laura Boldrini, che si è sempre dimostrata sensibile alle tematiche sociali, per poter ottenere l’esame della proposta nel più breve tempo possibile”.
Il testo, primo firmatario il vicepresidente dell’Assemblea, Roberto Placido, si propone di modificare le norme di pubblica sicurezza per vietare l’installazione e l’uso di slot machine all’interno di locali pubblici e nei circoli e nelle associazioni di qualunque specie. Si prevedono sanzioni da mille a 6mila euro per i trasgressori nel campo della distribuzione, installazione e utilizzazione.
Le altre proposte ritrasmesse al Parlamento riguardano: modifica al Testo unico enti locali per ampliare il potere del segretario comunale di redigere atti pubblici (vendita fondi agricoli); modifica alle norme sulla pratica e la sicurezza degli sport invernali per estendere l’obbligo dell’utilizzo del casco protettivo tra gli sciatori; modifica alle norme per la tutela delle minoranze linguistiche e storiche per estendere la tutela alla lingua piemontese; norme per l’attuazione dell’art. 49 della Costituzione sul diritto di associazione.

abruno