Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Costumi e gioielli del Vco

Foto del comunicato stampa “Colori al femminile: costumi e gioielli del Verbano Cusio Ossola” è il titolo della mostra in programma al Circolo dei Lettori di Torino, dal 3 al 17 giugno 2013.
L’evento, promosso dall’Amministrazione provinciale del Verbano Cusio Ossola con il sostegno del Consiglio regionale del Piemonte, della Regione Piemonte e del Circolo dei Lettori, è stato presentato a Palazzo Lascaris, sede dell’Assemblea piemontese.
Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo, l’assessore alla Cultura della Provincia del Vco Claudio Cottini e la ricercatrice storica Elena Poletti.
La mostra proporrà abiti, accessori e gioielli distinti per aree: Valle Antigorio-Formazza, Valle Antrona, Valle Anzasca, Val Bognanco, Val Cannobina, Val Divedro, Valli Intrasche e Verbano, Val d’Ossola, Valle Strona e Cusio, Val Vigezzo.
“I costumi non rappresentano solo il ricordo folcloristico delle tradizioni, ma sono la testimonianza dei passaggi storici e i riflessi di vita vissuta che hanno caratterizzato le comunità locali. Rielaborando i termini che descrivono i contenuti di questa esposizione, si potrebbe anche dire che i costumi sono i veri gioielli da conservare e custodire con adeguata attenzione e i gioielli sono gli elementi che li valorizzano ulteriormente”, ha voluto sottolineare Cattaneo.
“Ancora oggi sul territorio del Verbano Cusio Ossola vengono realizzati costumi del folclore locale, segno di amore e orgoglio per le nostre tradizioni. Le donne li indossano soprattutto in occasioni speciali, quando si festeggiano ricorrenze che sono alla base dell’identità comunitaria del luogo”, ha spiegato Cottini.
Come corollario alla mostra, è stato pubblicato il catalogo che ne riassume i contenuti; a curarlo è stata Poletti, che ha evidenziato come “il costume sia un elemento soggetto a variazioni, legate alle mutazioni sociali. Così come i dialetti, in ogni valle, e addirittura in ogni singolo paese, l’abbigliamento ha seguito una propria evoluzione, a seconda del periodo, delle necessità e delle possibilità di ognuno”.
Il costume tradizionale delle valli del Verbano Cusio Ossola si afferma tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento e oggi sopravvive grazie soprattutto alla costituzione di associazioni culturali che lo ripropongono come tesoro di memoria storica, sebbene si osservino ancora, specie nelle località montane più appartate, sporadici casi di donne che portano il costume anche nella quotidianità.
Le testimonianze esposte in questa mostra sono le antiche vesti, tramandate di generazione in generazione, conservate in vecchie cassettiere di legno e bauli, giunte come preziosa eredità familiare.

mbocchio