Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Rendiconto generale 2012

Foto del comunicato stampa Il vicepresidente e assessore regionale al Bilancio Gilberto Pichetto Fratin, ha illustrato il 31 maggio 2013 in Prima commissione il rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2012, approvato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale del Piemonte.
Relativamente allo scorso anno il disavanzo è di oltre 665 milioni, un terzo dei quali causato dalla cancellazione dei residui attivi iscritti negli anni passati, ma non esigibili.
La verifica della gestione complessiva vede, prendendo come riferimento anche il consuntivo dell’anno precedente, un disavanzo generale di 1 miliardo e 150 milioni.
“L’approvazione del rendiconto 2012 si riferisce ovviamente all’anno appena trascorso, e non tiene conto della nuova programmazione finanziaria regionale, che permette da quest’anno di non creare altro debito e di avere un bilancio sano in termini di competenza e cassa”, ha evidenziato Pichetto Fratin.
Diverse le obiezioni poste dai consiglieri di minoranza; in particolare Aldo Reschigna (Pd) ha voluto sottolineare lo squilibrio di bilancio e il debole profilo di cash flow: “Il deficit 2012 è superiore del 50% a quanto preventivato, e segue una serie di scelte di rinvio, dalla riforma della rete ospedaliera e la cancellazione delle federazioni, fino al ridisegno delle società partecipate”.
L’assessore ha infine replicato: “La nostra linea programmatica di risanamento è già tracciata, con entrate certe per l’assorbimento del debito. Si tratta ora di raccoglierne i frutti”.

mbocchio