Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Io non gioco, Vinco!


Foto del comunicato stampa “La differenza tra legalità e illegalità, il ruolo dei media, le motivazioni del ricorso al gioco d’azzardo e il legame con l’illegalità e la mafia”. Così Elisa Ferrero, referente di Acmos, ha sintetizzato l’intervento fatto nelle scuole medie inferiori con il progetto “Io non gioco, Vinco!” - promosso dall’Osservatorio regionale sul fenomeno dell’usura - la cui giornata finale, con la consegna degli attestati, si è svolta nell’Aula di Palazzo Lascaris il 29 maggio. “L’Osservatorio contro l’usura del Consiglio regionale opera ormai da vent’anni e, per l’anno scolastico 2013/2014, ha promosso un progetto rivolto agli istituti d’istruzione secondaria di primo grado piemontesi contro il crescente fenomeno del gioco d’azzardo illegale e della ludopatia”. Con queste frasi il direttore della Comunicazione istituzionale dell’Assemblea, Domenico Tomatis, ha aperto l’incontro ed ha portato il saluto a nome dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale.

Maria Josè Fava, referente di Libera Piemonte, che con Acmos e l’Osservatorio ha portato avanti il progetto, ha ricordato l’attività dell’associazione per una cittadinanza attiva contro le mafie che, tra le altre, ha comportato grande attenzione contro il proliferare del gioco d’azzardo che permette facili guadagni alle organizzazioni criminali a fronte di un rischio penale risibile.
Antonio Cajelli, esperto di educazione finanziaria e collaboratore al progetto, ha rapito l’attenzione delle scolaresche, degli insegnanti e degli educatori, che gremivano l’Aula, spiegando che: “Tutti i giorni e come votassimo facendo delle scelte spendendo il nostro denaro. Per esempio, scegliendo di acquistare un panino o una bibita al bar, quel bar, gestito dal nostro amico. Oppure quel bar che ha o non ha le slot machine, le macchinette con le quali possiamo giocare i nostri soldi. Non dobbiamo lasciare i nostri soldi, i nostri sogni, le nostre aspirazioni affidate al caso”. Cajelli non ha mancato anche di accennare ai 400 mila bambini, tra i 7 e i 9 anni (880 mila tra i 10 e i 17) che giocano d’azzardo, ed hai raffinati, in certi casi perversi, meccanismi del neuromarketing per condizionare gli acquisti e le scommesse di giovani e adulti.
“Il 13% del fatturato della criminalità ormai proviene dal gioco d’azzardo illegale – ha spiegato Anna Anselmi, ricercatrice dell’Osservatorio Libera Piemonte – e nella nostra regione abbiamo una macchinetta ogni 130 abitanti. Ma di queste slot-machines, una su tre, secondo i dati della Guardia di Finanza, è manomessa dalle organizzazioni criminali che lucrano proventi illegali e/o riciclano denaro ‘sporco’ attraverso la facile commistione tra azzardo legale e illegale. Le persone affette da dipendenza vengono spogliate dei loro beni e cascano nelle mani dei delinquenti. Purtroppo i controlli sono difficili e carenti e l’eclatante operazione ‘Minotauro’ ha dimostrato quanto questa problematica affligga la nostra regione.”
L’incontro si è chiuso con la consegna degli attestati alle diciassette scuole partecipanti, di tutte le province piemontesi, e con la presentazione dei manifesti, elaborati dai ragazzi, frutto del progetto articolato in due sessioni di laboratorio per ciascuna scuola.
Il messaggio veicolato oggi è stato estremamente chiaro:
1. Non giocare d’azzardo.
2. Ognuno di noi deve essere attivo, antenna del territorio, per eventualmente denunciare situazioni effettivamente o potenzialmente pericolose.
3. Scegliere negozi e attività libere dal gioco d’azzardo, in genere, esercizi pubblici privi di slot machines.
4. Lavorare su quanto possiamo fare personalmente, ma chiedere alle autorità di mettere dei paletti alle attività (per esempio vietare la pubblicità del gioco d’azzardo) e contrastare sempre meglio i collegamenti tra gioco e mafie.

abruno

I fatti in breve

  • Giornata conclusiva del progetto “Io non gioco. Vinco!” per le scuole medie inferiori organizzato dall’Osservatorio usura con le associazioni Acmos e Libera Piemonte.
  • Consegna degli attestati alle diciassette scuole partecipanti da tutto il Piemonte e presentazione dei loro lavori.
  • Non giocare d’azzardo.
  • Ognuno di noi deve essere attivo, antenna del territorio, per eventualmente denunciare situazioni effettivamente o potenzialmente pericolose.
  • Scegliere negozi e attività libere dal gioco d’azzardo, in genere, esercizi pubblici privi di slot machines.
  • Lavorare su quanto possiamo fare personalmente, ma chiedere alle autorità di mettere dei paletti alle attività (per esempio vietare la pubblicità del gioco d’azzardo) e contrastare sempre meglio i collegamenti tra gioco e mafie.

Di seguito l’elenco delle scuole partecipanti

Aldo Moro di Pedrosa (AL) - classe 2 C;
scuola E. Verde di Boscomarengo (AL) - classe 2 D;
Monteverde di Aqui Terme (AL) - classi 2 A, 2 C;
Bertero di Cinzano (AT) - classe 3 A;
Giovanni XXIII di Barge (CN) - classi 3 A, 3 B, 3 C, 3 D;
Nievo Matteotti di Torino - classe 2 A;
Vian di Torino - classi 1 E, 1 G;
Gozzano di Rivarolo Canavese (TO) - classe 2 A;
Carmagnola III di Carmagnola (TO) - classe 2 C;
Quasimodo di Verbania - classi 3 A, 3 B, 3 D;
Cadorna, via “alle Caserme” di Verbania - classe 3 C;
Cafasso di Castelnuovo Don Bosco (AT) - classe 1 A;
Sacchetti di Montechiaro (AT) - classi 2 A, 2 B;
Farini di Saluggia (VC) - classi 3 A, 3 B, 3 C;
Biella III di Biella - classi 2 B, 2 C, 3 B, 3 C;
Bellini di Novara - classi 1 D, 2 E;
Belfanti di Borgo Ticino (NO) - classi 2 E, 2 F.

Links associati

Fotogallery
Libera Piemonte
Acmos

twitter@crpiemonte
Facebook http://on.fb.me/vkQVrG

Contatti

Osservatorio usura, direzione Comunicazione istituzionale dell’Assemblea regionale, settore Organismi consultivi ed osservatori:
tel. 011.57.57.293, fax. 011.57.57.365; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su twitter @crpiemonte