Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Consiglio resta a Palazzo Lascaris


Foto del comunicato stampa

L’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, su proposta del presidente Mauro Laus, ha formalmente deciso che la sua sede rimarrà nel palazzo di via Alfieri 15, evitando quindi il trasferimento nel nuovo grattacielo in costruzione in zona Lingotto per diventare sede della Regione Piemonte.

Inoltre, la ventilata possibilità di alienare Palazzo Lascaris (acquistato dalla Regione Piemonte negli anni ’70 per diventare sede del Consiglio e appositamente ristrutturato con la costruzione dell’Aula sotterranea) si è rivelata insostenibile: il palazzo aulico risale all’epoca barocca ed è vincolato dal punto di vista architettonico.

Infine è stato chiarito che all’interno del costruendo grattacielo nell’area dell’ex Fiat Avio non avrebbero potuto trovare posto tutti gli uffici del Consiglio regionale e dei gruppi consiliari, per i quali sarebbe stata necessaria la costruzione di una palazzina separata a lato del grattacielo, poiché gli uffici della Giunta regionale occuperanno tutto il palazzo.

fcalosso

I fatti in breve

  • La sede del Consiglio regionale del Piemonte resta in via Alfieri 15 per motivi economici.
  • Tutti gli uffici saranno in locali di proprietà, non verranno pagati affitti.
  • Vendere Palazzo Lascaris sarebbe molto difficile perchè ha vincoli architettonici.
  • Nel grattacielo non ci sarebbe abbastanza spazio.

Dichiarazioni

“La decisione presa oggi – dichiara il presidente Laus – ha riaffermato l’orientamento già espresso dagli Uffici di presidenza nelle due precedenti legislature, riguardo alla nuova collocazione degli uffici del Consiglio. Le motivazioni del mancato trasferimento sono essenzialmente di ordine economico: negli ultimi anni per l’acquisizione del palazzo di via Arsenale 14, sede dei gruppi consiliari e di via Alfieri 13, ex banco di Sicilia, sono stati spesi complessivamente 21 milioni di euro. La conclusione dei lavori di adeguamento di questi ultimi permetterà al Consiglio regionale di occupare esclusivamente spazi in edifici di proprietà, evitando così di pagare affitti per altri uffici”.

 

Link associati

Contatti