Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 18 febbraio

Foto del comunicato stampa Servizio civile e uso terapeutico della canapa in IV Commissione

Il 18 febbraio la IV Commissione (Sanità), presieduta dal consigliere Domenico Ravetti, ha licenziato all’unanimità dei votanti (non ha votato il gruppo FdI) il disegno di legge n. 51, “Norme per la realizzazione del servizio civile nella Regione Piemonte”, presentato per la Giunta regionale dall’assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari.
Durante la discussione dell’articolo 2 è stato approvato l’emendamento proposto dal M5S, primo firmatario il consigliere Gian Paolo Andrissi, che impegna la Regione a “concorrere alla formazione di un corpo civile di pace nazionale al fine di formare giovani volontari da impegnare in azioni di pace non governativa, nelle aree di conflitto o a rischio di conflitto nelle aree di emergenza ambientale”.
Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri Marco Grimaldi (Sel), Paolo Allemano (Pd), Maurizio Marrone (FdI). Relatori del provvedimento in Aula saranno i consiglieri Daniele Valle (Pd) per la maggioranza e Andrissi (M5S) per la minoranza.

Nella seconda parte della seduta la Commissione ha svolto le prime determinazioni in merito alla proposta di legge n. 78, “Uso terapeutico della canapa (cannabis), disposizioni organizzative e modalità di erogazione dei farmaci e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche nell’ambito del servizio sanitario regionale e promozione della ricerca e azioni sperimentali prodromiche alla produzione da parte di soggetti autorizzati”, presentata dal primo firmatario Grimaldi (Sel) e sottoscritta dai gruppi Pd, Chiamparino per il Piemonte, Scelta civica e Moderati.
Il provvedimento, hanno sottolineato i consiglieri Grimaldi (Sel) e Allemano (Pd), non fa riferimento alla liberalizzazione delle droghe leggere ma intende colmare una lacuna esistente nell’ambito delle cure palliative.
Il consigliere Marrone (FdI) ha sottolineato la validità della proposta di legge, ammonendo che “non sia una sorta di paravento per rendere lecita la coltivazione senza controlli della canapa”.
La consigliera Stefania Batzella (M5S) - infine - si è dichiarata favorevole non solo all’utilizzo della canapa a scopi terapeutici ma anche alla legalizzazione delle droghe leggere.
Nelle prossime settimane sono previste consultazioni in Commissione sul provvedimento.

ctagliani


Museo nazionale del cinema e Museo regionale di Scienze naturali in VI Commissione

Utilizzare il “sistema cinema” piemontese per promuovere il territorio. È questo l’obiettivo che Alberto Barbera, direttore del Museo nazionale del Cinema, ha esposto alla Commissione Cultura, presieduta dal consigliere Daniele Valle.
È stato evidenziato come il Museo sia tra i più importanti al mondo per la ricchezza del patrimonio e per la molteplicità delle sue attività scientifiche e divulgative.
Barbera ha sottolineato che numerosi eventi cinematografici di rilievo internazionale sono ospitati nelle sale del cinema Massimo, la cui gestione è appannaggio del Museo dal 1989. Il Torino Film Festival, CinemAmbiente e il Torino Gay&Lesbian Film Festival sono, infatti, apprezzati non solo in Piemonte, ma soprattutto all’estero, dove rappresentano un punto di riferimento per gli appassionati e i curiosi.
È stato inoltre rilevato che nel 2008, grazie al sostegno della Città di Torino, della Regione Piemonte e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il TorinoFilmLab è entrato a far parte delle attività promosse dal Museo Nazionale del Cinema e dalla Film Commission Torino Piemonte, per sostenere i giovani talenti emergenti.
È emersa, dunque, la volontà di incrementare le sinergie tra Film Commission e il Museo, per poter affiancare adeguatamente le produzioni cinematografiche e televisive che scelgono come location il territorio piemontese.
Nel corso del dibattito i consiglieri Bono (M5S), Grimaldi (Sel) e Boeti (Pd) hanno chiesto approfondimenti, rispettivamente, sulle strategie del Museo per far fronte alla diminuzione di contributi da parte di enti pubblici, sui punti di forza della collaborazione avviata con Film Commission e sull’eventuale spazio per progetti di ricerca e innovazione.
Barbera ha concluso confermando la volontà di mantenere inalterato il patrimonio delle attività dell’ente, compatibilmente con le risorse attualmente a disposizione.

Nella seconda parte della seduta l’assessore alla Cultura, Antonella Parigi, ha informato la Commissione sulla situazione del comparto cinematografico piemontese e del Museo regionale di Scienze naturali.
L’assessore ha sottolineato la riduzione di contributi destinati ai settori di cinema, danza e teatro, pur riconoscendone l’importanza sociale e culturale per il territorio.
In particolare è emersa la necessità di ampliare le risorse disponibili attraverso un maggiore coinvolgimento di partner privati.
In merito al Museo di Scienze naturali è stato, infine, reso noto come l’attività sia proseguita in modo continuativo nonostante la situazione contingente di chiusura dell’edificio, dovuta ai danni riportati dall’incendio del 2013.
Il Museo, pertanto, conferma anche per i prossimi anni la propria presenza nel panorama della divulgazione e della cultura scientifica piemontese, continuando ad attrarre un pubblico di appassionati sempre maggiore.

droselli