Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

In ricordo dei caduti partigiani

Il Colle del Lys ha ospitato, domenica 5 luglio, la seconda giornata delle celebrazioni per il 70° anniversario della Liberazione. In mattinata l'assemblea dei rappresentanti delle amministrazioni territoriali ha presentato e approvato un "documento d'intenti" che traccia la linea delle iniziative future del locale Comitato Resistenza, che compirà 25 anni nel 2016. "Senza memoria non c'è futuro", ha sottolineato la presidente del Comitato, Elena Cattaneo.

Al termine dell'assemblea, si è svolta la cerimonia commemorativa con gli onori militari ai partigiani caduti, da parte di un picchetto della Brigata Taurinense, ed è giunta sul luogo della manifestazione la Fiaccola della Libertà. Tra i gonfaloni presenti, quello della Regione e di Torino, Alba, Boves e Cuneo, città medaglie d'oro della Resistenza. Le iniziative di sabato e domenica sono state promosse dal Comitato Resistenza Colle del Lys, sotto il patrocinio di Giunta e Consiglio regionale, del Comune e della Città metropolitana di Torino, e dell'Anpi, associazione rappresentata alle celebrazioni dalla vicepresidente provinciale, Maria Grazia Sestero.

"Questo è un momento fatto di emozioni e di riflessioni, in memoria del coraggio e del sacrificio dei 2024 caduti delle nostre valli", ha detto nel suo intervento Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte e presidente del Comitato Resistenza e Costituzione dell'Assemblea regionale. Boeti ha poi annunciato la presentazione del dossier di candidatura della Regione Piemonte alla medaglia d'oro al valor civile.

Hanno inoltre preso parte alla commemorazione l'assessore regionale Gianna Pentenero, i consiglieri regionali Silvana AccossatoAndrea Appiano e Antonio Ferrentino, i parlamentari Anna RossomandoAndrea Giorgis e Umberto D'Ottavio.

Sul tema "La Resistenza attraverso tre generazioni" hanno portato, infine,  la propria testimonianza lo storico Angelo Del BocaBruna Sticca, figlia del partigiano Gim della 17a Brigata Garibaldi e il giornalista Battista Gardoncini, nipote del partigiano Giovanni Battista Gardoncini, medaglia d'oro al valor militare. Nel pomeriggio la passeggiata rievocativa con letture "sui sentieri della memoria",  i canti popolari del coro "Giorni cantati" e le musiche del gruppo tedesco "Fanfaren".

 

cbussola

I fatti in breve

  • Il 4 e 5 luglio, al Colle del Lys, celebrazioni del 71° anniversario dell'eccidio del 2 luglio 1944
  • Sabato, alle ore 17, inaugurazione del nuovo allestimento museale dell’Ecomuseo della Resistenza “Carlo Mastri”
  • Domenica mattina  l'assemblea dei rappresentanti delle amministrazioni territoriali ha presentato e approvato un "documento d'intenti", che traccia la linea delle iniziative future del locale Comitato Resistenza.
  • Al termine dell'assemblea si è svolta la cerimonia commemorativa con gli onori militari ai partigiani caduti, da parte di un picchetto della Brigata Taurinense, ed è giunta sul luogo della manifestazione la Fiaccola della Libertà.

Dichiarazioni

"Questo è un momento fatto di emozioni e di riflessioni, in memoria del coraggio e del sacrificio dei 2024 caduti delle nostre valli", ha detto nel suo intervento Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte e presidente del Comitato Resistenza e Costituzione dell'Assemblea regionale. Boeti ha poi annunciato la presentazione del dossier di candidatura della Regione Piemonte alla medaglia d'oro al valor civile.

Link associati