Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 9 settembre

Dpefr e glucometri in Commissione Sanità

La IV Commissione, presieduta dal consigliere Domenico Ravetti, ha espresso a maggioranza parere consultivo favorevole in merito al Dpefr per le materie di competenza.

Il documento è stato illustrato dagli assessori alle Politiche sociali Augusto Ferrari e alla Sanità Antonio Saitta.

Riferendosi alla bozza del Patto per il sociale che verrà definito entro la fine di settembre, Ferrari ha dichiarato che le priorità su cui si impernierà l'azione della Giunta sono essenzialmente tre: la definizione di un protocollo interassesssorile per stabilire gli ambiti d'intervento nei confronti delle non autosufficieze; la lotta alla povertà e interventi per l'inclusione sociale e il sostegno alla locazione nell'edilizia sociale; la messa in campo di politiche di sostegno alla genitorialità e alle famiglie.

Per Saitta la priorità, in assoluto, sono rientro dal debito della Sanità, la conclusione del processo di riduzione e organizzazione del personale e, in particolare, delle dirigenze e gli investimenti relativi al Parco della Salute di Torino.

Nel dibattito prima della votazione sono intervenuti i consiglieri Andrea Appiano, Giovanni Corgnati, Paolo Allemano (Pd), Stefania Batzella, Davide Bono, Gian Paolo Andrissi (M5S), Marco Grimaldi (Sel).   

Al termine della seduta l'assessore Saitta ha risposto all'interrogazione n. 583 del consigliere Domenico Rossi (Pd) in merito alle dotazioni di glucometri per i diabetici dichiarando che la Giunta regionale ha deciso di aderire alla gara Consip e di stabilire una gradualità nella somministrazione dei nuovi glucometri a partire dai nuovi pazienti per non creare preoccupazioni in chi è abituato da una vita ad altre marche di glucometri. Nel frattempo - ha concluso - la Giunta sta per bandire una gara aperta a tutti i produttori di glucometri disposti ad adeguarsi ai nostri prezzi. 

ctagliani

 

Riunione della Commissione speciale antimafia

Nella Sala Viglione di Palazzo Lascaris si è riunita, il 9 settembre,  la “Commissione speciale con compiti di indagine conoscitiva per la promozione della cultura della legalità e il contrasto dei fenomeni mafiosi”, per la prima seduta di lavoro dopo l’insediamento del 23 luglio.

Il presidente Giorgio Bertola (M5S) ha raccolto le proposte di lavoro provenienti da diversi consiglieri della maggioranza e delle opposizioni.

L’ufficio di presidenza - oltre a Bertola, composto dai vicepresidenti Domenico Rossi (Pd) e Francesca Frediani (M5S) – si è impegnato ad elaborare un possibile programma di lavoro che tenga conto delle varie proposte.

In particolare è emersa una richiesta, già pervenuta alla Commissione, per una audizione del collaboratore del più importante quotidiano piemontese, recentemente vittima di atti intimidatori, causa le sue inchieste sui c.d. “migranti della vendemmia” concernenti squallide vicende di caporalato nel nostro territorio.

Rossi è stato designato vicepresidente vicario per i prossimi sei mesi.

abruno

 

Bandi scuola e Museo di Artiglieria in VI Commissione

La VI Commissione (Cultura e istruzione), presieduta dal consigliere Daniele Valle, si è riunita, dopo la pausa estiva, per proseguire l’aggiornamento dell’assessore all’Istruzione, Gianna Pentenero, sui bandi scolastici previsti dalla normativa che regola il diritto allo studio e alla libera scelta educativa (l.r. 28/2007).

In particolare Pentenero ha ribadito l’ipotesi, da parte della Giunta, di non procedere con l’indizione del bando scolastico 2014-2015, evidenziando l’attuale importante disallineamento di bilancio tra le voci di cassa e competenza.

È stato rilevato come tale ipotesi sia utile per poter onorare le precedenti graduatorie relative agli anni 2012-2013 e 2013-2014.

I consiglieri Gianluca Vignale (FI), Davide Bono e Francesca Frediani (M5S), Marco Grimaldi (Sel) hanno espresso, con considerazioni diverse, dissenso rispetto alle motivazioni presentate dalla Giunta, annunciando un più approfondito dibattito in Aula.

La seduta è poi proseguita con la relazione dell’Assessore alla Cultura, Antonella Parigi, in merito alla sede del Museo storico nazionale di Artiglieria di Torino.

Parigi ha rilevato l’importanza del Museo come complemento essenziale del Polo reale, auspicando la conclusione dei lavori di ristrutturazione nei tempi prefissati, individuati nell’arco del 2017.

L’assessore ha inoltre reso noto che le collezioni del Museo sono provvisoriamente custodite in appositi magazzini e sarà valutato l’eventuale ampliamento o diversa collocazione degli esemplari di artiglieria storica, in modo da migliorare e rendere maggiormente funzionale la visita del Museo.

droselli