Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 21 settembre

Le Commissioni Affari istituzionali e Attività Produttive, presidenti Vittorio Barazzotto e Raffaele Gallo, riunite in seduta congiunta, hanno ricevuto in audizione, il 21 settembre, le rappresentanze sindacali del Csi Piemonte sulla situazione corrente e sulle prospettive del Consorzio informatico. Era presente il vicepresidente della Giunta regionale Aldo Reschigna.

Le rappresentanze sindacali, rivendicando il ruolo e le competenze del Consorzio informatico, hanno manifestato preoccupazioni sulla scelta di cessione di un ramo d’azienda e sulle modalità di cessione attraverso il cosiddetto dialogo competitivo. Secondo i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, infatti, la procedura di dialogo competitivo, così come è stata impostata, demanda a soggetti esterni l’elaborazione della strategia e del piano industriale dell’azienda, non ponendo vincoli né condizioni. Le Rsu hanno poi sottolineato i rischi, in caso di gestione, anche parziale, da parte di privati, sulla riservatezza dei dati oggi gestiti dal Consorzio, sull’aumento dei costi derivante da un lato dall’assoggettamento dei servizi all’Iva – che oggi è agevolata in quanto il consorzio lavora in house – e dall’altro dalla necessità di remunerazione dei ricavi, che oggi invece coprono solo i costi, e sulla necessità, in caso di ingresso dei privati, di implementare i settori regionali che si occupano di informatizzazione. Durante l’audizione è emerso anche che molte aziende sanitarie locali non utilizzano i servizi del Consorzio, come invece imporrebbe la normativa.

Al termine dell’audizione, hanno posto domande ai rappresentanti sindacali del Csi Piemonte i consiglieri Federico Valetti e Mauro Campo (Movimento 5 Stelle), Marco Grimaldi (Sel) e Gianluca Vignale (Forza Italia).

La Prima Commissione Affari Istituzionali si è poi riunita in seduta ordinaria per proseguire l’esame del disegno di legge n.145, approvato dalla Giunta il 20 luglio scorso, sul riordino delle funzioni amministrative conferite alle Province in attuazione della Legge Delrio. La Commissione, alla presenza del vicepresidente della Giunta, con delega agli Enti Locali, Aldo Reschigna, dopo il parere positivo del Cal e le consultazioni con le categorie interessate, ha iniziato la discussione generale sul provvedimento, il cui esame proseguirà venerdì prossimo.

Critiche le opposizioni, che hanno annunciato la presentazione di emendamenti in sede di esame dell’articolato.

Per il Movimento 5 Stelle, intervenuto con il capogruppo Giorgio Bertola e i consiglieri Mauro Campo e Paolo Mighetti, permangono incertezze sulle dotazioni economiche per garantire i servizi, sul destino del personale e sull’architettura istituzionale che discenderà dalla riforma costituzionale. I consiglieri hanno poi sottolineato la questione della vigilanza ambientale e il tema delle funzioni della polizia provinciale, da chiarire in fase di esame dell’articolato.

Critica anche Forza Italia, che con il capogruppo Gilberto Pichetto e Gianluca Vignale, ha evidenziato il rischio che si crei confusione istituzionale e nuova burocrazia, con il processo di liquidazione delle Comunità Montane e di creazione delle unioni di Comuni ancora in corso, e con le incertezze ancora esistenti sul piano delle risorse e dell’attribuzione delle funzioni.

Al termine del dibattito generale è intervenuto il vicepresidente Reschigna, che ha chiarito alcuni dei temi sollevati. In particolare ha annunciato che sulla polizia provinciale e sui centri per l’impiego, demandati alle Regioni in fase di conversione del disegno di legge, la Giunta presenterà modifiche al testo, una volta chiariti alcuni elementi con i ministeri degli Affari regionali e della Funzione Pubblica.

Al termine della seduta, sono stati nominati i relatori del provvedimento: Davide Gariglio (Pd) per la maggioranza, Mauro Campo (M5S) e Gianluca Vignale (Forza Italia) per l’opposizione.

Mercoledì 23 sera scadono i termini per la presentazione degli emendamenti a firma singola.

I fatti in breve

  • Le Commissioni Affari istituzionali e Attività Produttive, riunite in seduta congiunta, hanno ricevuto in audizione, il 21 settembre, le rappresentanze sindacali del Csi Piemonte sulla situazione corrente e sulle prospettive del Consorzio informatico.
  • La Prima Commissione Affari Istituzionali si è poi riunita in seduta ordinaria per proseguire l’esame del disegno di legge n.145 sul riordino delle funzioni amministrative conferite alle Province in attuazione della Legge Delrio.
  • Terminato il dibattito generale, nella prossima seduta si entra nel merito dell'articolato.
  • Nominati i relatori del provvedimento: Davide Gariglio (Pd) per la maggioranza, Mauro Campo (M5S) e Gianluca Vignale (Forza Italia) per l’opposizione.
  • Mercoledì 23 sera scadono i termini per la presentazione degli emendamenti a firma singola.

Link associati