Lavori in Commissione, 23 settembre

In sesta Commissione, presieduta da Daniele Valle, si sono svolte le comunicazione degli assessori Giovanni Maria Ferraris (Sport) e Monica Cerutti (Istruzione), per l’espressione del parere consultivo per le materie di competenza, ai sensi dell’art. 34 comma 6 del Regolamento Interno, della PDCR n. 111”Documento di economia e finanza regionale.

Nell’elencare i capitoli di spesa, Ferraris ha sottolineato l’importanza del progetto di unire sport e turismo nelle politiche di sostegno della Regione Piemonte. “Pensiamo – ha detto – allo sviluppo del ciclismo in molte parti della nostra regione, al fine di aumentare il numero di visitatori e quindi sviluppare ancora meglio il settore. Stesso discorso vale per lo sci.” Dopo le sollecitazioni di Domenico Ravetti (Pd), ha aggiunto che “la zona di Castellania, luogo natale di Fausto Coppi certamente si presta da un punto di vista storico e paesaggistico. Chiaro, si deve migliorare la ricettività, che al momento mi pare carente, specie se intendiamo candidarci a ospitare un campionato del Mondo”.

Francesca Frediani (M5s) ha posto l’accento sull’attuale proliferazione di Asd (associazioni sportive dilettantistiche) e l’assessore ha confermato che al momento di erogare contributi si verifica l’effettività e la posizione nei confronti del fisco delle stesse. Gianna Gancia (Lega) ha poi chiesto notizie sui contributi a favore della palla pugno e Ferraris ha risposto che al momento il capitolo non ha fondi consistenti, ma che con i residui degli anni passati si valuterà un aumento.

Ha poi relazionato l’assessore Cerutti, che ha parlato anche di diritto allo studio. “Quest’anno abbiamo coperto l’85 per cento degli aventi diritto alle borse di studio, mentre l’anno precedente ci si era fermati al 55 per cento”. In tutto 2181 studenti in più hanno ottenuto il contributo. “Nei criteri, abbiamo eliminato la media dei voti e aumentato il tetto Isee ai massimi consentiti dalla legge: in tutto 17 milioni e 300 mila euro sono stati destinati al diritto allo studio”. Le tariffe della ristorazione per gli studenti sono state ridefinite in base alle aree di reddito e le tariffe residenziali confermate. Sono in corso importanti investimenti sulle residenze studentesche di via Verdi a Torino e della caserma Perrone di Novara.

gmonaco