Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Siglato protocollo d'intesa

"La Blue economy come modello di sviluppo  del sistema territoriale piemontese in un'ottica di sviluppo europeo". Questo il tema dell'incontro-dibattito che si è svolto venerdì 4 dicembre, presso il Museo del Gusto a Frossasco (To).

Durante l'iniziativa, promossa dalla Consulta Europea del Consiglio regionale del Piemonte, c'è stata la presentazione del protocollo d'intesa stipulato tra il Politecnico di Torino (Dipartimento di Architettura e design) e il Consiglio regionale del Piemonte (Consulta europea).

L'accordo prevede di instaurare un rapporto  di collaborazione, nel quale le attività di studio e ricerca condotte dal Politecnico nel campo Design Sistemico/Blue Economy possano integrare, con l'utilizzo di risorse qualificate e strumenti adeguati, le corrispondenti attività sviluppate dalla Consulta europea contribuendo anche alla divulgazione dell'attività didattica del Politecnico al fine di individuare enti, società, associazioni e tutti i soggetti fisici e giuridici interessati a collaborare, sia in termini di disponibilità dei propri dipendenti, sia come offerta di applicazioni pratiche per studi specifici quali tesi da laurea, nonchè di strutture per eventuali stages, favorendo le attività didattiche integrative a compendio della formazione accademico- professionale degli studenti, ed anche al fine di fornire loro l'opportunità di una migliore conoscenza del mercato del lavoro.

All'incontro hanno preso parte la vicepresidente dell'Assemblea regionale e presidente delegata della Consulta Europea, Daniela Ruffino, Luigi Bistagnino Politecnico di Torino  e fondatore di Systemic Approach Foundation, Guy Ermitte presidente della Conferenza Alte Valli e sindaco di Monginevro (Francia), Ippolito Ostellino direttore Parco regionale del Po e della collina torinese, Valter Cantino direttore del dipartimento Management dell'Università di Torino e Franco Fassio consigliere nazionale di Slow Food.

La Blu Economy, partendo dal concetto di sviluppo sostenibile, non si limita agli aspetti dell'economia, ma affronta i temi dei bisogni sociali e culturali delle comunità e della persona: prende le mosse dall'aspetto economico per creare un modello innovativo di sviluppo sociale.

 

Dichiarazioni

Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio regionale e delegata della Consulta europea: "Il convegno è finalizzato alla costruzione di una rete relazionale di soggetti che, con l'applicazione del Design sistemico-Blue Economy, possa far nascere azioni e progetti condivisi per offrire al territorio della Regione Piemonte e alle sue realtà produttive una  nuova opportunità di sviluppo qualitativo. Sarà, inoltre, l'occasione per presentare il protocollo d'intesa siglato dalla Consulta regionale europea e il Dipartimento di architettura e design (Dad) del Politecnico di Torino, che rappresenta la base, ma anche l'inizio, di un percorso operativo concreto".