Diversificando: se non ora, quando?

Abbattere il muro della “normalità” per promuovere l’accettazione incondizionata della diversità e il rispetto della dignità di tutti e di ciascuno. È quanto si propongono di realizzare il Consiglio intercomunale dei ragazzi dell’Istituto comprensivo di Brusasco e dai Consigli comunali dei ragazzi di Verrua Savoia, Cavagnolo e Brusasco attraverso il progetto “Diversificando: se non adesso, quando?”.

L’iniziativa è stata approvata all’unanimità venerdì 4 dicembre nell’Aula consiliare di Palazzo Lascaris. Illustrata dal sindaco del Ccr intercomunale Chiara Olmo, che ha presieduto la seduta alla presenza dell’assessore regionale all’Istruzione Gianna Pentenero, si propone di raccogliere la sfida della diversità per far sbocciare, a partire dalle scuole medie, una mentalità aperta all’accoglienza attraverso cineforum, percorsi di lettura e l’organizzazione di momenti d’incontro, un flashmob il 14 febbraio, in occasione dell’One Bilion Rising contro la violenza sulle donne e una mostra sui premi Nobel negati alle donne.

Prima di sciogliere la seduta, l’Assemblea ha anche stabilito di celebrare solennemente, nella primavera del prossimo anno, i vent’anni del Consiglio comunale dei ragazzi di Verrua Savoia.

I fatti in breve

  • Il raduno del Consiglio intercomunale dei ragazzi dell’Istituto comprensivo di Brusasco e dei Consigli comunali dei ragazzi di Verrua Savoia, Cavagnolo e Brusasco.
  • Approvato all'unanimità il progetto “Diversificando: se non adesso, quando?” per raccogliere la sfida della diversità e far sbocciare, a partire dalle scuole medie, una mentalità aperta all’accoglienza.
  • L’Assemblea ha anche stabilito di celebrare solennemente i vent’anni del Consiglio comunale dei ragazzi di Verrua Savoia.

Link associati