La settimana in Commissione

I Commissione (Programmazione e Bilancio) 

Variazioni al bilancio e armonizzazione tributi

La Prima Commissione, presidente Vittorio Barazzotto, nella seduta del 14 dicembre ha proseguito con l’esposizione degli emendamenti al  Disegno di legge numero 167 "Variazione al bilancio di previsione 2015 ed al bilancio pluriennale 2015-2017 e relative disposizioni finanziarie". I documenti sono stati presentati da Forza Italia e dal Movimento 5 Stelle. In apertura dei lavori, l’assessore al Bilancio Aldo Reschigna ha risposto alle domande rivoltegli nelle precedenti riunioni dalle opposizioni, esponendo dettagliatamente le delibere sul piano di rientro con particolare attenzione alle spese sanitarie, alle spese sul trasporto pubblico locale, nonché alla riduzione delle locazioni passive a fronte del nuovo canone di leasing per il Palazzo unico, costi di conduzione degli stabili, spese per arredi e per apparecchiature informatiche. Non mancano gli interventi sull’organizzazione della Regione e riduzione dei costi del personale e la riduzione delle spese degli enti strumentali, la riduzione dei trasferimenti al Consiglio, la razionalizzazione delle Partecipate e altri interventi volti al risparmio. Poi, in merito alla Variazione di bilancio, l'assessore ha descritto la proiezione delle uscite di fine anno. 

Il 16 dicembre, ha proseguito l’esame degli oltre 130 emendamenti al disegno di legge numero 167. Gli emendamenti, tutti respinti, sono stati presentati prevalentemente dai Gruppi di Forza Italia e Movimento 5 Stelle. Per la Giunta era presente l’assessore al Bilancio Aldo Reschigna, che ha successivamente risposto alle domande rivolte dai commissari di opposizione, esponendo le due delibere attinenti al piano di rientro con particolare attenzione alle spese relative a: sanità,  trasporto pubblico locale, personale regionale, politiche sociali nonché alla riduzione delle locazioni. Non sono mancati gli interventi relativi a organizzazione della Regione, riduzione dei costi sul personale, enti strumentali, trasferimenti al Consiglio e razionalizzazione delle partecipate. In merito alla variazione di bilancio, l'assessore ha descritto la proiezione delle uscite di fine anno e degli anni successivi, in particolare sul triennio 2015/2017, fino al 2044 riguardo al servizio del debito. 

Il 17 dicembre è stato esaminato il disegno di legge 166 “Misure di armonizzazione e razionalizzazione di norme in materia di tributi regionali” e, in particolare il vicepresidente della Giunta regionale Reschigna, ha illustrato alcune proposte emendative della maggioranza e fatte proprie dall’Esecutivo rispetto a quanto, sino ad oggi, depositato. Il tema è stato quello del recupero di una ventina di milioni di euro che dovrebbero venire a mancare, a causa di provvedimenti governativi, alle casse regionali. Tale questione ha occupato tutta la discussione generale del disegno di legge. La soluzione adombrata dal vicepresidente Reschigna è quella di sfruttare una delle poche leve a disposizione della Regione, il bollo auto. In particolare si tratta di togliere l’esenzione dal pagamento del bollo ai veicoli con trazione “ecologica”, come quelli a doppia alimentazione a gas o ibridi elettrici. In pratica l’esenzione continuerebbe ad essere vigente per i primi 5 anni e il pagamento dovrebbe essere effettuato per il resto della vita dell’autovettura. Ma, con le proposte emendative illustrate oggi, il pagamento del bollo per questo tipo di veicoli sarebbe limitato al 30% della normale tariffa calcolata in base alla potenza del motore. Inoltre, anche le auto storiche (quelle tra i 20 e i 30 anni di età) dovrebbero pagare il bollo con la sola limitazione dello sconto del 10% rispetto alle normali tariffe previste dalla legge statale. Invece i motocicli pagherebbero solo il 10%. Questa serie di provvedimenti dovrebbe portare ad un gettito aggiuntivo superiore ai 15 milioni di euro. Il vicepresidente Reschigna ha tenuto a specificare che l’operazione è volta a mantenere un livello di entrate non inferiore al 2015, anche per l’esercizio finanziario 2016, perché l’attuale situazione di un “bilancio ridotto all’osso”, vedrebbe ulteriori diminuzioni incidere sulle politiche sociali, l’istruzione e la cultura con pesanti ricadute sui cittadini. Le opposizioni sono intervenute con numerosi relatori con argomenti molto simili seppur enfatizzati in modo diverso. Per quanto concerne il gruppo M5S, la contrarietà al provvedimento è stata espressa in maniera netta in relazione soprattutto al fatto che questi aggravi tariffari andranno a colpire spesso fasce deboli della popolazione, persone che magari aggiornano auto non più nuove con impianti a gas (gpl o metano) aftermarket. Inoltre, si correrebbe il rischio di disincentivare, almeno parzialmente, l’attrattiva della scelta di veicoli con minor impatto ambientale, spesso proprio a riguardo delle emissioni più nocive come quelle delle polveri sottili. Un atteggiamento contrario a tutte le raccomandazioni anche a livello europeo ed internazionale. I commissari del gruppo FI hanno sottolineato particolarmente la negatività di mancare alla promessa di esenzione fatta ai cittadini. Infatti, mentre in un primo momento sono stati incentivati ad acquistare auto “ecologiche”, sebbene più costose e con maggiori complicazioni per i rifornimenti, anche con l’esenzione, poi, quando questo tipo di veicoli ha iniziato ad avere una certa diffusione, l’Amministrazione non mantiene più quanto promesso e chiede il pagamento della tassa per fare cassa. L’intervento poi avrebbe anche ripercussioni negative rispetto alle imprese che installano impianti a gas aftermarket. I consiglieri dei gruppi di maggioranza sono intervenuti per difendere la relazione del vicepresidente, chiarendo che essendo già l’esenzione totale una peculiarità per i cittadini piemontesi la penalizzazione, comunque ridotta rispetto agli automobilisti di auto a trazione classica, risulterebbe essere una soluzione equilibrata rispetto alla difficile situazione delle casse regionali ereditata dalle precedenti legislature. La Commissione, chiusa così la discussione generale sul ddl 166, ha nominato relatore di maggioranza Domenico Ravetti (Pd) e relatori per le opposizioni, Federico Valetti (M5S) e Massimo Berutti (FI).

gmonaco

dbarattin

abruno

 

 

 

II Commissione (Pianificazione territoriale e Urbanistica)

La Commissione non si è riunita questa settimana.

 

III Commissione (Economia e industria)

La Commissione non si è riunita questa settimana.

 

IV Commissione (Sanità e assistenza) 

La Commissione non si è riunita questa settimana.
 

V Commissione (Tutela dell'ambiente e Protezione civile)

La Commissione non si è riunita questa settimana.

 

VI Commissione (Cultura e Istruzione)

La Commissione non si è riunita questa settimana.