Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Consegnata una petizione

Il tema della salute dei bambini e delle famiglie è una questione importante da portare all’attenzione dei cittadini e della politica, molto spesso invece sono argomenti lasciati al margine dei dibattiti sull’assistenza e la qualità delle cure.

Ne sono convinti diversi infermieri pediatrici dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, che hanno dato vita alla petizione per chiedere la tutela del loro ruolo professionale nell’ambito della continuità assistenziale su pazienti diventati maggiorenni afflitti da malattie acute e croniche.

L’iniziativa ha coinvolto anche gli studenti dei corsi di laurea di Torino e Novara. Le 309 firme raccolte sono state consegnate, mercoledì 13 luglio, al presidente del Consiglio regionale del Piemonte Mauro Laus, che si è dimostrato molto attento nell’ascoltare le problematiche che investono questa figura professionale che fu definita nel 1997. In Italia esistono da sempre due figure infermieristiche: quella di infermiere e quella di infermiere pediatrico, con due distinti profili  e altrettanti corsi di laurea.

Attualmente in tutta Italia gli infermieri pediatrici sono circa 13 mila, in Piemonte il loro numero è di circa duemila unità, con una quarantina di nuovi laureati all’anno.

La delegazione ricevuta a Palazzo Lascaris, vorrebbe dalla Regione Piemonte un atto mirato a tutela dell’infermiere pediatrico nell’esercizio della professione in continuità assistenziale su pazienti ospedalizzati e in regime di day hospital over 18, sofferenti per malattie croniche insorte in età infantile, evitando anche il configurarsi di un possibile esercizio abusivo della professione.

Al presidente Laus è poi stato sottolineato come la riforma sanitaria sia rallentata rispetto ai bisogni e come manchi una rete territoriale per la prosecuzione delle cure.

Consegnati i moduli con le firme sottoscritte, gli infermieri hanno chiesto anche di poter essere ricevuti dai capigruppo e dai consiglieri regionali.

Lo stesso presidente Laus ha pertanto individuato come data, martedì 26 luglio, durante la pausa tra le sessioni antimeridiana e pomeridiana del Consiglio regionale.

Nei prossimi dieci anni assisteremo ad una riduzione dei medici pediatri presenti sul territorio nazionale di circa il 20 per cento, per cui gli infermieri pediatrici possono e potranno costituire una risorsa importante e strategica del sistema sanitario e professionale.

 

 

 

 

 

I fatti in breve

  • Gli infermieri pediatrici dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino hanno dato vita alla petizione per chiedere la tutela del loro ruolo professionale nell’ambito della continuità assistenziale su pazienti diventati maggiorenni afflitti da malattie acute e croniche.
  • Le 309 firme raccolte sono state consegnate, mercoledì 13 luglio, al presidente del Consiglio regionale del Piemonte Mauro Laus, che si è dimostrato molto attento nell’ascoltare le problematiche che investono questa figura professionale.
  • Nei prossimi dieci anni assisteremo ad una riduzione dei medici pediatri presenti sul territorio nazionale di circa il 20 per cento, per cui gli infermieri pediatrici possono e potranno costituire una risorsa importante e strategica del sistema sanitario e professionale.