Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 9 febbraio

Sopralluogo della VI Commissione al Museo regionale di scienze naturali

La Commissione VI (Cultura), con il presidente Daniele Valle e l’assessora alla Cultura Antonella Parigi, ha svolto un sopralluogo al Museo regionale di scienze naturali per visionare i tre esemplari di celacanto, un raro pesce fossile al centro di una problematica richiesta di prestito per un’esposizione da parte del Museo paleontologico di Asti.

Come illustrato dai conservatori del museo presenti, nel 1979 un medico ora residente ad Asti, Erik Domini, dopo aver ricevuto in dono dal sovrano delle isole Comore questi rari esemplari ittici come ringraziamento per il suo lavoro in loco, decise di donarli al museo. L’anno seguente la Convenzione internazionale di Washington relativa alla regolamentazione del commercio di animali e piante incluse i celacanti fra le specie in via di estinzione sottoposte a specifiche licenze di detenzione e nel 1992 venne stabilita la necessità di denunciare gli esemplari conservati, senza prevedere deroghe per i musei né possibilità di regolarizzazione a posteriori. Poiché quasi nessun museo effettuò all’epoca la denuncia, ora si rende necessario un lavoro di raccolta, già in corso, di tutta la documentazione disponibile per dimostrare al nucleo competente dei Carabinieri la legale provenienza e detenzione dei celacanti. L’assessora Parigi ha spiegato che c’è piena disponibilità a dare gli esemplari in esposizione, ma perché ciò sia possibile è necessario prima risolvere il problema burocratico emerso. Problema peraltro comune a numerose altre specie presenti nei musei, tanto che l’assessora ha auspicato la possibilità di un “condono” per le istituzioni che hanno finalità di valorizzazione e divulgazione di tale patrimonio e non commerciali.

Con l’occasione è stato fornito anche un aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori di restauro del museo, conseguenti all’incendio avvenuto nel 2013. Sono in corso i lavori del primo lotto relativi alla manica di via Giolitti, comprendenti gli uffici e la Biblioteca, la cui riapertura è prevista per il prossimo agosto. È stata aggiudicata la gara per il secondo lotto di lavori in una seconda manica di spazi espositivi, con conclusione prevista per febbraio 2018.  Infine, un terzo lotto di lavori ancora da finanziare prevede gli interventi al piano interrato e per la sala conferenze. Mancano infine ancora 4 milioni di euro per progettualità nuove e ulteriori, relative ad esempio al bookshop e 12 milioni per intervenire sugli spazi mai utilizzati al piano più alto. Questi ultimi lavori rientrerebbero in una rivisitazione complessiva degli spazi del museo con l’ipotesi, suggerita dal piano di fattibilità appena concluso, di creare un polo scientifico più ampio, che rafforzi l’attività di ricerca oltre a quella divulgativa. Su questa riorganizzazione, che potrebbe comportare anche una nuova configurazione giuridica del museo, il consigliere Andrea Appiano (Pd) ha chiesto che si preveda una seduta specifica della Commissione.

ecorreggia

 

Esame del disegno di legge sulla gestione dei rifiuti in V Commissione

La V Commissione (Ambiente), presieduta da Silvana Accossato, nella seduta del 9 febbraio ha proseguito l’esame in merito al disegno di legge numero 217 "Norme in materia di gestione dei rifiuti e servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani".
La seduta si è aperta con l’approvazione dell’articolo 2 del testo in esame seppur, prima della votazione, sia stata sollevata dal consigliere Gian Luca Vignale (FI) una eccezione di costituzionalità, con richiesta di parere alla Giunta regionale.
La seconda parte è stata interamente dedicata all’articolo 3 del provvedimento, occupata dalla presentazione di alcuni emendamenti sia da parte del Movimento 5 Stelle sia di Forza Italia, illustrati con gli interventi di ciascun consigliere. 
Ammontano a dodici gli emendamenti presentati rispetto all’articolo in discussione, otto dal Gruppo Forza Italia e quattro dal Gruppo Movimento 5 Stelle, tutti finalizzati, a detta dei presentatori, a migliorare la normativa.

dbarattin