Dalla Siria a 16 anni in sedia a rotelle

La storia di Nujeen Mustafa ha toccato il cuore dei ragazzi delle scuole e delle tante persone che hanno assistito oggi al Salone del Libro nell'Arena Piemonte, alla presentazione del libro "Lo straordinario viaggio di Nujeen" HarperCollins editore.

Nell'estate del 2015, a bordo di uno dei tanti gommoni che ogni giorno arrivano sulle nostre coste, è approdata in Italia la giovanissima Nujeen che aveva 16 anni e che fino ad allora aveva passato la vita chiusa in casa, a Kobane in Siria sotto le bombe, perchè costretta su una sedia a rotelle.

La storia della ragazza siriana che non si arrende è stata lo spunto per parlare dei tanti giovanissimi che arrivano profughi in Italia senza genitori.

Ne hanno parlato davanti ad un folto pubblico Enrica Baricco vicepresidente del Comitato Diritti Umani, Monica Cerutti assessora al Welfare, Laura Donnini direttore generale della casa editrice HarperCollins, Rita Turino Garante regionale dell'Infanzia. Ha moderato l'incontro Maria Teresa Martinengo giornalista de La Stampa.

"La storia di Nujeen rappresenta un incrocio importante - ha sottolineato Baricco - per riuscire a riflettere e lavorare su immigrazione, disabilità e infanzia".

La Garante dell'Infanzia, Rita Turino, ha spiegato che oggi esiste la possibilità di "nominare la figura del Tutore volontario, una persona appositamente formata, che potrà assumere la tutela legale del minore straniero non accompagnato".