Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

#Dilloatutti tour

Ha fatto tappa al Salone del Libro, il 22 maggio, il #Dilloatutti Tour, il progetto degli Stati generali dello Sport del Consiglio regionale realizzato in collaborazione con il Centro universitario sportivo (Cus) Torino.

Sul palco dell’Arena Piemonte, moderati da Andrea Ippolito, sono intervenuti Mauro Laus, presidente del Consiglio regionale del Piemonte e degli Stati generali dello Sport e del Benessere; Riccardo D’Elicio, presidente del Cus Torino; Giorgio Gilli, ordinario di Igiene e presidente Suism dell’Università degli studi di Torino; Felicina Biorci, nutrizionista del Centro di Medicina preventiva dell’Università di Torino.

“L’attività fisica è un farmaco a costo zero – ha spiegato Laus -  che previene e cura molte patologie, insieme a una corretta alimentazione. Il progetto che stiamo realizzando con il Cus Torino ha l’obiettivo di diffondere questa consapevolezza, dicendolo a tutti, e invitando tutti a perseguire corretti di stili di vita. La politica non può girarsi dall’altra parte. La Regione Piemonte ha preso coscienza dell’importanza di questo messaggio e si è attivata per portare in tutte le famiglie e in tutte le scuole questi concetti. Tutti insieme dobbiamo e possiamo imboccare la via delle buone pratiche e dei corretti stili di vita”.

Il progetto, consultabile sul sito www.dilloatutti.piemonte.it, si propone di fare della pratica sportiva e dei corretti stili di vita gli strumenti di tutela della salute e della prevenzione primaria e prevede una serie di iniziative, tra cui una campagna di informazione e promozione dei corretti stili di vita in cui sono stati coinvolti i giovani e il mondo universitario. Il #Dilloatutti Tour ha preso il via lo scorso 11 marzo al teatro Carignano di Torino, con la premiazione del concorso per le scuole “La salute per tutti. Movimento, alimentazione sana e corretti stili di vita per il benessere della persona” organizzato con la Consulta regionale dei Giovani, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte e con il patrocinio del Coni Piemonte. La seconda tappa si è svolta all’università di Scienze motorie del polo universitario di Asti. Durante l’incontro gli studenti sono stati sensibilizzati sui temi del movimento, il benessere e l'alimentazione. Quella del Salone del Libro ha rappresentato dunque la terza tappa di un percorso, il cui obiettivo è “dire a tutti'  che ciascuno può esser protagonista di una vera e propria rivoluzione culturale, che veda nell’adozione di corretti stili di vita lo strumento per riuscire ad ammalarsi di meno, vivere meglio e di più, generando anche un risparmio per il sistema sanitario.

“Sono orgoglioso – ha detto D’Elicio – che lo sport sia inserito in un contesto come quello del Salone del Libro e affrontato con un approccio scientifico. È un risultato importante che ci spinge a continuare il nostro lavoro con grande impegno. La politica è oggi sensibile a questi temi e le università torinesi stanno finanziando molto le attività sportive al loro interno. Ci sono le condizioni per raggiungere traguardi importanti risparmiando milioni di euro in sanità”.

Ma se è vero che viviamo più a lungo, quanto viviamo in salute? “In Piemonte – ha detto Gilli – intorno ai 60 anni la stragrande maggioranza delle persone è già portatore di una malattia e questo produce costi alla collettività. E’ vero che noi siamo il prodotto di grandi successi della medicina, ma non dobbiamo dimenticare che il cibo è un elemento strategico per guadagnare anni di vita e per essere i protagonisti del proprio benessere”.  “A 40 anni – ha concluso la dottoressa Biorci, che ha tenuto una breve lezione sull’importanza della corretta e sana alimentazione -  essere obesi significa avere una aspettativa di vita inferiore di sette anni”.

Link associati