Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

La Regione entra nella Fondazione “Il Maggiore”

Con l’approvazione in Consiglio regionale del provvedimento che autorizza la Regione Piemonte a sottoscrivere l’atto di costituzione e lo statuto del nuovo soggetto, si compie un ulteriore passo in avanti per la Fondazione “Il Maggiore” di Verbania.

La stessa Regione Piemonte è, insieme al Comune di Verbania, socio fondatore della Fondazione che ruota intorno al nuovo teatro affacciato sul lago, progettato dall’archistar spagnola Salvador Arroyo, costato 18 milioni di euro.

I due enti garantiranno un budget di 500mila euro, equamente diviso, che dovrà essere integrato dalla vendita di biglietti e abbonamenti, dall’affitto degli spazi, dalle sponsorizzazioni, ma anche da un possibile partner privato.

Con un bando il Comune dovrà poi scegliere il presidente, il vice sarà invece di nomina regionale e il terzo componente del consiglio di amministrazione sarà un nome condiviso da entrambi i soci.  Le cariche saranno a indennità zero.

È stata l’assessora alla Cultura Antonella Parigi a illustrare i dettagli della delibera, sottolineando il ruolo che la Regione intende svolgere in campo culturale per consentire uno sviluppo armonico delle attività e delle strutture su tutto il territorio piemontese.

Con la Fondazione “Il Maggiore” l’obiettivo è quello di dotare il Nord del Piemonte di un ente capace di fare da collettore e da amplificatore delle realtà culturali della provincia del Verbano Cusio Ossola, in ragione anche delle caratteristiche del teatro.

“Il Maggiore crediamo infatti possa essere, grazie anche alle sue peculiarità architettoniche e alla sua collocazione nella città capoluogo di provincia, un bene-faro di grande valore, che dia slancio a tutto il territorio circostante” ha ribadito Parigi.

Per Davide Bono (M5s) “siamo davanti ad una scarsa programmazione sul territorio del Vco, ignorando la presenza di altre strutture simili. Per quanto riguarda i costi, ci auguriamo che presto la Fondazione possa rendersi autonoma, sollevando dall’impegno economico la Regione e il Comune di Verbania”.