Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Circolo lettori, audizione in sesta

“Una scommessa riuscita, con 12mila frequentatori ogni mese e circa 150 eventi mensili nell’ultimo anno, una programmazione serrata, attenta alle ultimissime proposte culturali italiane e internazionali e sempre più orientata ad un pubblico giovane. Il nostro obiettivo è promuovere il libro e la lettura e la risposta del pubblico ha fatto di questa realtà un fiore all’occhiello dell’Italia. In Europa ci sono pochissime realtà come la nostra e i numeri del Circolo non li fa nessuno”: così il presidente e la direttrice del Circolo dei lettori, Luca Beatrice e Maurizia Rebola hanno illustrato nell’audizione in Commissione Cultura, presieduta da Daniele Valle, i risultati raggiunti in undici anni di attività della fondazione Circolo dei Lettori. “La programmazione autunnale - hanno precisato - prevede nuovi eventi rispetto all’anno passato, anche fuori Torino”.

I vertici del Circolo hanno quindi risposto alle domande poste dai consiglieri Francesca Frediani (M5s), Domenico Rossi e Valle (Pd), Marco Grimaldi (Sel), Silvana Accossato (Art1).

In particolare Frediani ha chiesto quali criteri muovano la scelta dei libri e degli autori da presentare, se sia mai stata fatta un’indagine sul tipo di pubblico che segue le iniziative del Circolo e quali siano i costi annui della sede di Torino. “Con spazi e attività a Torino e ora anche a Novara - ha risposto Rebola - il Circolo ha un canale di dialogo sempre aperto con gli editori per soddisfare un pubblico eterogeneo e ci avvaliamo della collaborazione di esperti per programmare i festival. La nostra utenza è prevalentemente torinese, ma c’è anche chi viene da fuori, anche dall’estero, attratto dalla sede e dai servizi offerti al di là della programmazione culturale”.

Quanto ai costi della sede, sollecitati anche da Accossato, la fondazione paga un affitto annuo alla società immobiliare proprietaria di 200 mila euro, più le utenze. C’è la disponibilità a valutare ipotesi di sedi alternative che al momento non sono però state identificate.

Sull’organizzazione dell’imminente edizione del Salone del Libro, su richiesta di Valle e Grimaldi, la direttrice ha precisato: “Siamo in attesa di chiudere il contratto di affitto degli spazi con Gl Events.  La partecipazione degli editori è molto alta, stiamo tenendo il budget sotto una soglia ragionevole e stiamo lavorando per valorizzare economicamente il marchio”.

Nella seduta pomeridiana, presente l’assessora alla Cultura Antonella Parigi, la Commissione ha proseguito l’esame del testo unico sulla Cultura, sul quale è stato espresso parere favorevole a maggioranza. Il testo viene ora inviato per l’espressione del parere in prima Commissione, al Comitato per la qualità della normazione e valutazione delle politiche e al Cal, prima di essere licenziato dalla sesta. Grimaldi è stato aggiunto come correlatore di maggioranza.