Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Incendi, per Legambiente risposta giudiziaria inadeguata

Dopo gli incontri tenutisi nelle scorse settimane con Arpa, Città metropolitana, Province, Ato rifiuti e Associazioni imprenditoriali, nel corso della mattinata si è svolto quello dedicato a quelle ambientaliste.

Le due Commissioni Quinta e Legalità – presiedute dalla presidente – in seduta congiunta, hanno continuato l’indagine conoscitiva sugli incendi ai magazzini di impianto di trattamento rifiuti differenziati.

Per l’occasione erano presenti i rappresentanti di Legambiente Piemonte, il suo presidente Fabio Dovana e Alessandro Risi mentre in rappresentanza della Giunta regionale l’assessore all’Ambiente.

Il presidente di Legambiente Piemonte ha posto l’accento sull’inadeguatezza delle risposte fornite dalla magistratura sul fenomeno prendendo spunto anche dall’indagine parlamentare condotta riguardo episodi di incendi che negli ultimi anni hanno visto un vistoso e preoccupante aumento soprattutto nelle regioni del Centro-Nord.

L’esponente ambientalista ha puntualizzato come una gran parte dei dati collegati al fenomeno vadano persi mentre si rende necessario rivedere il processo legato alla concessione delle autorizzazioni agli impianti legati al riciclo delle plastiche e loro derivati.

Un commissario del Movimento 5 stelle ha posto il problema della revisione della filiera collegata al riciclaggio della plastica mentre un esponente del Gruppo del Partito Democratico ha accolto favorevolmente la proposta di Legambiente di un monitoraggio sul territorio attraverso la realizzazione di una rassegna stampa degli organi d’informazione locale per definire gli episodi relativi agli incendi.

La Quinta è proseguita in seduta ordinaria per un’informativa dell’Esecutivo su una prima attuazione della legge regionale numero 1/2018 sulla gestione integrata dei rifiuti. 

L’assessore ha spiegato come si sia reso necessario il provvedimento della Giunta a causa della soppressione del Corpo Forestale dello Stato e ripartizione delle competenze tra Vigili del Fuoco e Carabinieri forestali.