Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Crisi Cosmonova, in Regione non risulta procedura licenziamento

La crisi della Cosmonova, azienda di Trofarello che lavora nel ramo della profumeria e dei prodotti per l’igiene personale con 47 dipendenti a rischio licenziamento, è stata oggetto del question time che Giorgio Bertola (M5S) ha rivolto alla Giunta, nell’ambito delle interrogazioni a risposta immediata del pomeriggio in Consiglio regionale.

 “Al momento, agli atti d’ufficio dell’assessorato al Lavoro, non risulta essere pervenuta alcuna procedura di licenziamento collettivo - ha specificato l’assessore ai rapporti con il Consiglio Roberto Rosso -  Allo stesso tempo l’assessorato sta seguendo con particolare attenzione la situazione, tenendo contatti costanti con le organizzazioni sindacali e, quanto prima, convocheremo le Parti per discutere sul tema e per supportarle nella ricerca di soluzioni idonee a una definizione positiva della vicenda, mettendo in campo ogni utile strumento volto alla salvaguardia dei livelli occupazionali”.

 “La Giunta regionale convochi subito le parti coinvolte nella crisi Cosmonova Srl e metta in campo tutti gli strumenti disponibili per evitare il licenziamento di 47 dipendenti - ha sollecitato il consigliere Giorgio Bertola -  è fondamentale intraprendere un percorso condiviso affinché la proprietà possa pagare i contributi Inps e permettere ai lavoratori di accedere alla cassa integrazione straordinaria ed alla Naspi”.  

47 dipendenti della Cosmonova sono a rischio licenziamento per la decisione della proprietà di sospendere la produzione a causa di una pendenza con l’erario di circa tre milioni di euro, collegata a mancati pagamenti dei committenti. La proprietà, non riuscendo a recuperare quanto le spetta per il lavoro fatto, non sarebbe in grado di continuare la produzione.  A partire dallo scorso 16 dicembre, i lavoratori dell’azienda sono in ferie forzate.

Durante i question time è stata data risposta anche alle interrogazioni di: Daniele Valle (Pd) sulla proposta di revisione da parte della Giunta alla legge regionale in materia di rifiuti; di Silvio Magliano (moderati) sul collocamento mirato obbligatorio di persone con disabilità; di Alessandro Stecco (Lega)  sul procedimento di mobilità di personale dell’Ente strumentale alla croce Rossa; di Monica Canalis (Pd) sul coinvolgimento dell’Asl To3 in un evento di partito; di Sean Sacco (M5S) sul distacco funzionale dei dirigenti cardiologi di Tortona  ed Aqui Terme; di Marco Grimaldi (Luv) sull’attuazione della proposta di deliberazione sull’istituzione di un tavolo di lavoro per individuare la percentuale di obiettori di coscienza preso le strutture sanitarie regionali.