Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Cal, sì al Ddl sulla promozione sportiva

Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) ha dato parere favorevole a maggioranza al disegno di legge regionale sulla promozione e l’impiantistica sportiva: l’assemblea, presieduta da Davide Crovella, si è riunita oggi in videoconferenza, presente anche l’assessore Fabrizio Ricca. Ricca ha sottolineato che “gli enti locali sono i primi destinatari di una legge quadro che dopo 25 anni va a riformare e riordinare la materia, abrogando cinque leggi preesistenti, e che per la prima volta parifica e conferisce uguale dignità a tutti gli sport. Un lavoro durato sette mesi, frutto di un serrato confronto con Coni, Cip, federazioni, enti di promozione e società storiche”.
Le associazioni hanno chiesto un maggior coinvolgimento degli enti locali competenti, inclusi quelli di area vasta, nella programmazione delle azioni che hanno ricadute sui territori, nella partecipazione alle iniziative (Settimana dello Sport) e nei vari organismi previsti, in particolare il Tavolo dello Sport, l’Osservatorio e l’Agenzia per lo sport, per poter rappresentare al meglio le esigenze del territorio.  
In tema di impiantistica hanno sollecitato un approfondimento sulla semplificazione delle modalità di affidamento in gestione a terzi delle strutture e degli impianti di proprietà degli enti locali e su un maggior sostegno finanziario per la copertura dei costi di manutenzione, rinnovamento ed efficientamento energetico. 
Tra le altre richieste quella di includere tra gli impianti e le strutture sportive anche le aree e gli spazi aperti attrezzati, azioni specifiche per l’attività fisico-motoria e sportiva rivolte alla terza età, rivedere la disciplina delle sanzioni, favorire il decentramento dei nuovi impianti per un maggiore supporto all’economia locale.
L’assessore Ricca ha accolto con favore la richiesta di Anci, Anpci, Ali e Uncem di far parte del Tavolo dello Sport e ha dato ampia disponibilità a valutare con attenzione tutte le richieste pervenute. Ha infine sottolineato che la Sport commission, in qualità di ente strumentale, avrà il compito di reperire sponsorizzazioni private per implementare il numero dei grandi eventi, con importanti positive ricadute sul territorio.