Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Clausola valutativa o monitoraggio per il Ddl 127

Il Comitato per la qualità della normazione si è riunito con la Commissione Sanità in merito alla possibilità di inserire una clausola valutativa o di monitoraggio nel Disegno di legge 127, “Sviluppo delle forme associative della Medicina generale”.

La riunione è stata presieduta dal presidente del Comitato Alberto Avetta, che ha illustrato le due proposte, alla presenza del presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco e dell’assessore alla Sanità Luigi Icardi.

La clausola valutativa, che facilita lo svolgimento della funzione di controllo non ispettivo prevista dallo Statuto, prevede che la Giunta svolga relazioni periodiche al Consiglio regionale per favorire un flusso di informazioni costante e di qualità sull’andamento delle politiche oggetto del provvedimento, sostenuto anche dalla previsione dell'utilizzo del patrimonio di conoscenza prodotto dalle Asl e dall'Osservatorio sistema salute, istituito presso Ires Piemonte.

Il monitoraggio prevede invece che la Giunta regionale presenti ogni anno alla Commissione Sanità una relazione sullo stato delle misure adottate e sul raggiungimento delle finalità del provvedimento.

La discussione è stata aperta da Marco Grimaldi (Luv), che ha sottolineato la necessità “di addivenire a una clausola valutativa più ampia rispetto a quella contenuta negli emendamenti di minoranza discussi nei giorni scorsi in Commissione" e la disponibilità a valutare ulteriori emendamenti.

L’assessore alla Sanità Icardi ha dichiarato di prediligere la soluzione del “monitoraggio per riservare la clausola valutativa a un provvedimento più articolato sulla Medicina territoriale”. Alessandra Biletta (Fi) e Andrea Cane (Lega) hanno condiviso il parere espresso dall’assessore.

La discussione sulle due proposte e su loro possibili emendamenti avverrà nel corso del dibattito in Aula.