Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

La Regione più forte in Soris

La Regione Piemonte potrà acquisire nel 2021 un’altra quota del capitale di Soris, fino a un massimo del 10%. Lo prevede il Ddl 140 approvato oggi in Consiglio regionale.
La Soris Spa è una società di riscossione di proprietà al 90% del Comune di Torino.
Dal 2016, ha ricordato il relatore di maggioranza Federico Perugini (Lega),“la Regione partecipa al capitale sociale con una quota del 10%. Nell’assestamento 2016 è previsto l’affidamento a Soris del servizio di riscossione coattiva dei tributi e delle entrate regionali”. Il provvedimento approvato intende “valorizzare la dimensione regionale della società, anche favorendo l’ingresso di altri enti locali nella compagine sociale di Soris, a beneficio degli enti locali e quindi dei cittadini che rappresentano”. La nuova legge autorizza ad acquisire nel 2021 un’altra quota del capitale sociale che non ecceda il 10%, per una spesa massima di 800 mila euro.
Proprio sulla valutazione del 10% da acquisire si è focalizzata la relazione di minoranza di Sean Sacco (M5s) che, pur condividendo il progetto della Regione su Soris, ha annunciato il solo voto di presenza, perché “non ho elementi per valutare la congruità del valore periziato. Dato che non ho avuto modo di leggere la perizia e di valutare gli indicatori di bilancio, confrontandoli con quelli del 2016, preferisco, pur condividendo la partecipazione della Regione, dare solo la presenza”.
Perplessità condivise da Federica Frediani (M4o) che ha dato lo stesso voto di presenza, "pur mantenendo un atteggiamento favorevole nei confronti dell’impostazione del provvedimento, nella speranza che possa portare a migliori rapporti con i cittadini”.