Concerto di Natale

Il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino ospiterà, lunedì 20 dicembre alle 21, il consueto concerto natalizio organizzato dal Consiglio regionale del Piemonte. Una serata di musica e canti della tradizione piemontese che, anche per questa edizione, vede la partecipazione del Centro studi piemontesi.

“Dopo un anno di pausa forzata, sia pur con le ancora necessarie precauzioni - ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Stefano Allasia - questo concerto segna il ritorno a un momento di festa. Un’iniziativa per far conoscere e apprezzare canti in piemontese e melodie della tradizione popolare e per celebrare una festività dal significato universale. Nel tempo la musica piemontese ha saputo sviluppare una propria specificità, che può aiutarci a riflettere sul senso e il valore delle nostre radici, fondamentali per ricordare chi siamo ma anche per costruire chi saremo”.

“ È una gioia, na gòj, ritornare dal vivo con il tradizionale Concerto di Natale - ha sottolineato Albina Malerba, direttore del Centro studi piemontesi - eredità e continuità delle quasi trentennali Vijà, pensate e organizzate dal Centro Studi Piemontesi. Poesie, musica canti per festeggiare il Natale con le parole e i suoni della lingua piemontese. una festa della speranza, del ricordo, della continuità e del rinnovamento, nella convinzione che le parole non sono soltanto segni o convenzioni, le parole hanno un’anima e una storia antica”.

Gli artisti, diretti dal maestro Aldo Sardo e accompagnati dall’orchestra Progetto Futuro Musica e dall’arpa celtica di Enzo Vacca, interpreteranno brani, canti e melodie della tradizione popolare, alternando il repertorio locale agli adattamenti di più celebri brani che richiamano le suggestioni del Natale. Spetterà invece alla nota voce di Mario Brusa, l’interpretazione di brani di Guido Gozzano, Giovanni Arpino e Nino Costa.

Per prenotare occorrerà scrivere, entro venerdì 17 dicembre alle 12,  all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’ingresso sarà consentito solo con green pass rafforzato.