28,4 milioni per lo sport nel 2022

Il bilancio regionale prevede uno stanziamento di oltre 28 milioni di euro per lo Sport nel 2022. L’assessore Fabrizio Ricca ha illustrato i dettagli in Sesta commissione, presieduta da Paolo Bongioanni, riunita per l’espressione del parere preventivo sul Bilancio di previsione 2022-2024.
Nell’anno del Piemonte Regione europea dello Sport, oltre 4,3 milioni andranno alla promozione di eventi turistico sportivi di carattere internazionale, mentre 1,2 milioni sono destinati alla partecipazione della Regione all’organizzazione delle Universiadi 2025.
Per gli enti e le società che si occupano di promozione e diffusione dell’attività sportiva sono previsti contributi per 3,4 milioni (1,7 milioni destinati agli Atp Finals), mentre più di 2 milioni sono destinati all’assegnazione di contributi a enti pubblici, che avverrà tramite bandi.
Uno stanziamento specifico di 150 mila euro riguarda l’erogazione di benefici straordinari per il sostegno agli sci club piemontesi.
L’assessore ha confermato gli interventi per l’esercizio e la conservazione degli impianti olimpici trasferiti in proprietà agli enti locali (3,6 milioni) e quelli per la tutela della salute, garanzia e mantenimento della sicurezza delle aree sciabili (5 milioni, di cui 4,9 a favore di imprese e 100mila a favore di Comuni e Unioni montane).
Nel 2022 sarà indetto un nuovo bando per l’assegnazione dei contributi per la valorizzazione degli sport tradizionali della palla pugno e palla tamburello, per complessivi 110 mila euro.
In materia di Politiche giovanili, sono 500mila euro le risorse stanziate, di cui 300mila saranno contributi destinati a enti locali, associazioni e cooperative giovanili per la realizzazione di interventi a favore dei giovani.
1,5 milioni di fondi regionali sono infine previsti per le attività di internazionalizzazione delle imprese: l’assessore ha spiegato che le risorse vanno a completamento delle attività realizzate attraverso l’utilizzo di fondi europei nell’ambito del Por Fesr 2014-2020, che si concluderà nel 2022, e di quelli previsti nella proposta per la prossima programmazione 2021-2027.
Durante la seduta sono intervenuti i consiglieri Diego Sarno (Pd), Angelo Dago e Federico Perugini (Lega).

lmasucci